OXI DAY - 28 Ottobre Festa Nazionale in Grecia

OXI DAY - 28 Ottobre Festa Nazionale in Grecia

Il 28 ottobre è Festa Nazionale in Grecia. È il giorno che commemora il rifiuto del dittatore greco Ioannis Metaxas all'ultimatum inviato dal dittatore italiano Benito Mussolini il 28 ottobre 1940. Questo giorno è conosciuto dai greci di tutto il mondo come "Oxi Day" (No Day) e celebra l’orgoglio patriottico greco e la resistenza contro ogni forma di fascismo e prevaricazione.

Cosa è successo in questo giorno 78 anni fa

Alle 3:00 del mattino del 28 ottobre 1940 fu consegnato un ultimatum a Ioannis Metaxas nella sua casa di Kifissia dall'Ambasciatore d'Italia di Atene, Emanuele Grazzi. L'ultimatum richiese il libero passaggio dell'esercito italiano attraverso il confine greco-albanese per iniziare l'occupazione di alcune aree strategiche della Grecia, con lo scopo di contrastare la padronanza militare dell’esercito inglese nel Mediterraneo. Le richieste di tale ultimatum, umilianti e degradanti per la Grecia, dovevano essere accettate entro tre ore dalla ricezione dello stesso.
 
Dopo aver letto la lettera, Metaxas si rivolse all'ambasciatore italiano e rispose in francese (che all'epoca era la lingua diplomatica ufficiale) con la frase storica: "Alors, c'est la guerre" (“beh, questo significa guerra”), affermando la sua posizione negativa nei confronti delle richieste italiane.

Grazzi nelle sue memorie, pubblicato nel 1945, descrisse la scena come: "Mi è stato ordinato Signor Primo Ministro” e io gli ho dato la lettera. Ho osservato l'emozione tra le sue mani e nei suoi occhi. Con voce ferma e guardandomi negli occhi, Metaxas mi ha detto: "Questo significa guerra!" Ho risposto che questo poteva essere evitato. Lui rispose NO. Ho aggiunto che “se il generale Papagos ...” ma Metaxas mi ha interrotto e ha detto NO! Ho fatto un profondo inchino, lasciando con più profondo rispetto, questo anziano, che ha preferito essere sacrificato invece che ridotto in schiavitù. L'esercito italiano, che si trovava in Albania, varcò il confine e invase il territorio greco, subendo, contrariamente alle aspettative, una pesante sconfitta. Alla fine, la Grecia capitolò ma solo grazie all’intervento della Germania di Hitler che con azioni fulminee di guerra lampo invase la Jugoslavia e la stessa Grecia.

Tradizioni e informazioni pratiche su questo giorno in Grecia

In questo giorno in Grecia, la maggior parte degli edifici pubblici e delle residenze sono decorati con bandiere greche. Ci sono sfilate e altre feste in tutto il paese. È una festa nazionale, il che significa che tutto è chiuso, ad eccezione dei caffè e dei luoghi di ristoro. Le entrate ai siti archeologici e musei oggi sono gratuite. 

La festa del 28 ottobre è anche celebrata da molte comunità greche in tutto il mondo; parate e festeggiamenti sono osservati a livello internazionale, comprese le principali città negli Stati Uniti, in Canada e in Australia.